Guarire significa agire,
non è un evento passivo!

MASSOFISIOTERAPIA

 

Massofisioterapia, termine che racchiude molteplici discipline tutte orientate verso la terapia/cura del paziente: si va dalla terapia del massaggio alla mobilizzazione articolare passivi/attiva (kinesiterapia), dalla rieducazione funzionale alla terapia fisica strumentale, linfodrenaggio. Ciò che è escluso, è tutto ciò che concerne la riabilitazione neurologia, campo questo che evade dal compito del massofisioterapista.

 

Campi di utilizzo e tecniche di trattamento

 La massofisioterapia viene praticata in numerose condizioni patologiche, in particolare in traumatologia, ortopedia, reumatologia ,quando ve è la necessita’ di stimolare l’apparato muscolare dopo una lunga immobilita’.

Kinesiterapia è essenziale, viene impiegata in seguito ad un intervento chirurgico, ad un fatto traumatico che porta ad una prolungata immobilizzazione (gesso, tutori, etc.., dove l’articolazione perde la capacita’ di muoversi nei suoi piani fisiologici. La kinesiterapia o rieducazione funzionale consiste nella mobilizzazione passiva/attiva, esercizi terapeutici, delle articolazioni coinvolte nella limitazione cercando, attraverso un lavoro graduale, di far riacquistare al paziente la maggior mobilità e stabilità articolare consentita.  Questo tipo di trattamento è parte integrante di un programma riabilitativo più ampio in cui la massofisioterapia viene associata all’osteopatia, terapia fisica strumentale (Tecar, laser yag, onde d’urto) ed esercizio fisico terapeutico.

La massofisioterapia in ambito sportivo è molto praticata. Il massaggio sportivo viene utilizzato in fase preparatoria all’evento poiché aiuta l’aumento circolatorio e prepara i muscoli allo sforzo, inoltre dopo l’attività sportiva, tramite il massaggio defaticante si aiuta l’organismo a smaltire le scorie prodotte dall’attività sportiva e riportare l’organismo alle sue condizioni di normalità.

Linfodrenaggio o drenaggio linfatico manuale, è una tecnica masso-fisioterapica, dove la manualità ha un’importanza fondamentale che aiuta a stimolare il microcircolo, la circolazione linfatica, cosi da favorire l’apporto di ossigeno e sostanze attive ai tessuti, mediante delicatissimi sfioramenti manuali e stimolazione dei centri linfatici. Il Linfodrenaggio viene applicato in seguito ad edemi linfostatici estesi, edemi locali traumatici o dopo interventi chirurgici, malattie del tessuto di sostegno o connettivo